Luoghi di interesse

 

CONVENTO DI BOSCO AI FRATI (San Piero a Sieve)
Fondato dagli Ubaldini prima dell'anno Mille, è considerato uno dei più antichi della Toscana. Chiesa e convento furono riedificati su disegno di Michelozzo Michelozzi per volontà di Cosimo De' Medici. Come in Cafaggiolo e nel Castello del Trebbio (che insistono sul territorio comunale), anche in questo complesso l'architetto unì le caratteristiche del nuovo gusto rinascimentale all'esperienza della tradizione architettonica medievale...
Orari: tutti i giorni ore 9-12/17,30-18,45. Sabato: 9-12/18-19. Domenica: ore 9-10/11,30-12/18-19.
Per informazioni, per gruppi, accesso autobus, assistenza turistica e guida (gratuita) contattare il cell. 3486033328
 

CASTELLO DEL TREBBIO (San Piero a Sieve)
Villa-Castello costruita sui ruderi di una precedente torre feudale da Michelozzo Michelozzi su commissione di Cosimo De' Medici. Imponente costruzione, si erge a 500 metri sopra il livello del mare su un colle dal quale si domina tutto il Mugello, e dove in passato, si incrociavano importanti vie di comunicazione. Nel 1476 ospitò Amerigo Vespucci, giovanissimo in fuga da Firenze dove infuriava la peste. Il Trebbio fu proprietà medicea fino a quando Ferdinando II non lo vendette per 113.500 scudi nel 1644 a Giuliano Serragli...
E' aperto solo su prenotazione e per gruppi. Tel: 055/848088


FORTEZZA S. MARTINO (San Piero a Sieve)
La costruzione, voluta dai Medici, ebbe inizio il 30 giugno 1569, ma la sistemazione definitiva dell'imponente fortilizio si deve a Bernardo Buontalenti che portò a compimento l'impresa probabilmente nell'ultimo decennio del '500. Caratterizzata da un circuito irregolare di cortine intervallate da sette baluardi, la fortezza ha un'estensione di circa un miglio; in posizione sopraelevata è collocato il mastio detto il cavaliere a cavallo. Al suo interno erano i quartieri del  castellano e del presidio che, dotato anche di una cappella, rappresentava il vero e proprio cuore difensivo della fortezza...
E' prevista una visita annuale aperta al pubblico e guidata dai proprietari
 


IL PALAZZO DEI VICARI (Scarperia)
La "Terra Nuova" di Scarperia fu dal XV secolo sede del Vicario ed ebbe quindi competenze nell'amministrazione civile e criminale, rappresentando la Repubblica Fiorentina in una vasta estensione del contado mugellano. La famiglia Medici, proseguendo la politica di preogressivo controllo delle Magistrature Repubblicane, fu particolarmente interessata a ricoprire la carica di Vicario ed a farla ricoprire da membri di famiglie amiche, che si avvicendarono durante tutto il '400...
Informazioni: Pro Loco Scarperia
Tel. 055/8468165 - info@prolocoscarperia.it
 

    
MUSEO DEI FERRI TAGLIENTI (Palazzo dei Vicari- Scarperia)
  Pochi oggetti hanno accompagnato la vita e l' attività dell'uomo come il coltello; onnipresente sulla mensa di poveri e potenti, utensile fedele nel lavoro dei campi e dei boschi, compagno di mille avventure e pericoli, pegno d'amore, simbolo di fedeltà... Nel caso poi di intere comunità, come quella di Scarperia, dedite alla fabbricazione dei ferri taglienti, il coltello risulta elemento di identità e memoria collettiva...
Orari: da Ottobre a Maggio: dal mercoledi al venerdi 9-13; sabato, domenica e festivi 10-13 / 14.30 -18.00. Da Giugno a Settembre: dal mercoledì alla domenica 10 -13/ 15.00 - 19.00.
Aperto tutte le Festività, eccetto il giorno di Natale
 

 
LA BOTTEGA DEL COLTELLINAIO (Via Solferino- Scarperia)
Forgia, banco da tavolo, incudine, erano le attrezzature attorno alle quali si svolgeva l'attività del coltellinaio, aiutato nei lavori meno pesanti da lavoratori-bambini e dalla "giratora", manodopera femminile le cui competenze si limitavano a fornire movimento alla mola destinata all'arrotatura delle lame. La Bottega del Coltellinaio rappresenta quindi la parte dell'itinerario museale in cui è possibile seguire le fasi della lavorazione artigianale del coltello attraverso lìesperienza diretta e perciò con un coinvolgimento, anche emozionale, di ogni visitatore. La Bottega è aperta al pubblico dal 1990. E' aperta solo su prenotazione.
Informazioni: Tel.055 8468165  informazioni@prolocoscarperia.it



CENTRO DOCUMENTAZIONE ARCHEOLOGICA DI SANT' AGATA
Esposizione e laboratorio didattico- Chiostro della Pieve di S. Agata 
L'esposizione documenta i principali rinvenimenti archeologici del Mugello occidentale nel lunghissimo periodo che va dalla preistoria fino al periodo moderno, con testimonianze di epoca etrusca e romana, per concludersi con una significativa selezione di reperti medievali recuperati nel corso delle indagini sui castelli del territorio comunale di Scarperia. il percorso espositivo si articola in due sale...
Informazioni: Tel. 055/8406853- 05578406794 
Orari: Da Novembre a Marzo: domenica e festivi 15–18 . Dicembre  e Gennaio: aperto solo su prenotazione per gruppi di minimo 10 persone. Da Aprile a Ottobre: domenica e festivi 16-19. Chiuso per Pasqua, 15 Agosto e Natale.
Su prenotazione visite guidate e laboratori didattici per bambini e adulti
 



RACCOLTA DI ARTE SACRA (Sant'Agata-Compagnia di San Jacopo)
Quest'esposizione è nata dalla necessità di tutelare e valorizzare le numerose opere provenienti da tabernacoli e chiese abbandonate del territorio santagatese, nonchè preziose testimonianze della vita artistica della pieve. così la raccolta si pone come prosecuzione del più grande "museo" che è la chiesa stessa, insigne monumento del romantico mugellano arricchito al suo interno da importanti opere d'arte (tarsie marmoree del XII secolo, tavole dipinte di Jacopo di Cione e Bicci di Lorenzo, ecc.).
Informazioni: Mu.S.A. Musei Sant'Agata tel. 055/8406853 - 055/8406794
Orari: Da Novembre a Marzo: domenica e festivi 15–18 ( eccetto Dicembre  e Gennaio: aperto solo su prenotazione per gruppi di minimo 10 persone). Da Aprile a Ottobre: domenica e festivi 16-19
Chiuso Paqua, 15 Agosto e Natale. Su prenotazione visite guidate e laboratori didattici per bambini e adulti
 

SANT'AGATA ARTIGIANA E CONTADINA DI LEPRINO (Centro Polivalente-S.Agata)
I personaggi e le scene della mostra sono state tutte ideate e realizzate da Faliero Lepri , detto Leprino (scomparso nell' Aprile 2016), a partire dal dopoguerra. Tutti i personaggi sono costruiti con un telaio in legno, all'interno del quale sono inseriti alcuni motorini di recupero (che permettono loro il movimento), ricoperti di cartepesta e rivestiti con abiti in stoffa, secondo la foggia dell'epoca. Gli edifici sono in cartone, mentre gli attrezzi e gli utensili sono generalmente di legno e di alluminio...
Informazioni: Tel. 055/8406850
Orari: Dal 30 Aprile al 26 Ottobre: domenica e festivi 15.30 - 18.30
Dal 27 Ottobre al 29 Aprile: domenica e festivi 15 –18. 
Su prenotazione visite guidate e aperture straordinarie. Offerta libera
 

 
MONTACCIANICO
Il sito archeologico si trova a nord di Sant' Agata e il Castello era il principale baluardo del potere signorile degli Ubaldini dal XIII secolo fino ai primi del XIV secolo. Le campagne di scavo sul sito di Montaccianico vedono impegnati studenti, laureandi e specialisti di Archeologia Medievale dell’Università di Firenze, volontari dell’Associazione culturale Mu.sa e studenti del Liceo Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo

 

PIEVE DI SAN PIETRO (San Piero a Sieve)
 La Pieve di San Pietro, situata in posizione baricentrica rispetto all'edificato del capoluogo e prospiciente l'attuale via Provinciale, è una tra le più antiche, se non la più antica, tra le Pievi del Mugello.
L'edificio attuale, risalente alla metà del XII secolo, è con ogni probabilità impostato su di una precedente costruzione, dato che la Pieve è già ricordata in un documento del 1018.
La chiesa, come oggi ci appare pur se parzialmente rimaneggiata, ripropone i canoni costruttivi propri della fase romanica che ha investito gran parte del contado fiorentino nei secoli XI e XII.
Nella chiesa e nella canonica si conservano manufatti di notevole imprtanza artistica fra i quali spicca il fonte battesimale in terracotta invetriata attribuito a Giovanni della Robbia



PIEVE DI SAN JACOPO E FILIPPO (Scarperia)
Sulla piazza dei Vicari si trova anche la Propositura dei SS. Jacopo e Filippo, già chiesa di un convento agostiniano, del quale resta parte del chiostro quattrocentesco. All'interno affreschi dell'epoca, un Crocifisso ligneo del Sansovino, un tondo marmoreo di Benedetto da Maiano (XV sec.), un tabernacolo per gli oli santi di Mino da Fiesole...Aperta su prenotazione. Info: tel. 055 8468165 - www.parrocchiascarperia.it
 


PIEVE DI SANTA MARIA A FAGNA (Scarperia)
Sulla cima di un verde collina, si trova poi Pieve di Santa Maria a Fagna, risalente al X secolo, ma con aspetto tardo barocco dovuto ad un radicale rifacimento del 1770. Del periodo romanico conserva, di marmo bianco e serpentino verde, un pulpito poligonale a sei specchi con intarsi e un raffinato fonte battesimale ottagonale con formelle, riferibili rispettivamente alla metà e alla fine del XII secolo. Interessanti, infine, l'Assunzione della Vergine di Santi di Tito del 1587 e un Cristo Morto realizzato in cera da Clemente Susini nel 1805.
Aperta su prenotazione. Info: tel. 055 8468165
 

PIEVE DI SANT'AGATA (Sant'Agata-Scarperia)
La Pieve di Sant'Agata sorge su una delle più importanti vie di comunicazione del Medioevo.Eretta prima del 1000, ha subìto vari restauri, pur mantenendo, nel complesso, la struttura originaria. Semplice la facciata esterna, con il portale sormontato da un architrave scolpito con motivi a nastri intrecciati. L'edificio realizzato in bozze di alberese con elementi di arenaria e serpentino verde, ha all'interno tre navate su cui poggia direttamente, con originalissima soluzione architettonica, la travatura lignea della copertura a due spioventi. All'interno, una tavola lignea di Jacopo di Cione raffigurante la Madonna delle Grazie a cui si rivolgevano le donne in gravidanza...Aperta tutti i giorni 9-12 e 15-17. Info: tel. 055 8406926

Sezione curata dalle stagiste Alessia e Maria Chiara
Giugno 2016